Menu Chiudi

Scopri il tour

Ben­ve­nu­ti a bor­do del bat­tel­lo Mar­co Polo che vi por­te­rà in un viag­gio inso­li­to e ric­co di emo­zio­ni lun­go i cana­li medi­cei. Duran­te il tour potrai cono­sce­re la cul­tu­ra di que­sta cit­tà par­ti­co­la­re, colo­ra­ta, viva­ce e ric­ca di tra­di­zio­ni lega­te al mare.
Il giro dei fos­si in bat­tel­lo è l’occasione per cono­sce­re Livor­no da una pro­spet­ti­va inso­li­ta e sug­ge­sti­va. Navi­ga­re per le vie d’acqua con­sen­ti­rà di sco­pri­re una cit­tà ori­gi­na­le e carat­te­ri­sti­ca, con le sue for­tez­ze, i palaz­zi, le chie­se, i pon­ti e le can­ti­ne che si apro­no a pelo d’acqua, testi­mo­nian­za di un’antica tra­di­zio­ne com­mer­cia­le e por­tua­le.

Le tappe

1. Piaz­za del­la Repub­bli­ca
Sug­ge­sti­vo ed emo­zio­nan­te il pas­sag­gio sot­to la Piaz­za, ori­gi­na­le esem­pio di Piaz­za-Pon­te, è lar­ga oltre 200 metri. Costrui­ta nel 1838 e chia­ma­ta anche il Vol­to­ne, o Piaz­za dei Gran­du­chi per le due sta­tue di Leo­pol­do II e Fer­di­nan­do III dei Lore­na, col­lo­ca­te alle estre­mi­tà.

2. Mer­ca­to Coper­to
Sug­ge­sti­vo edi­fi­cio Otto­cen­te­sco, il Mer­ca­to Cen­tra­le rac­co­glie la tra­di­zio­ne gastro­no­mi­ca livor­ne­se e del­le cul­tu­re stra­nie­re che sin dal­le sue ori­gi­ni han­no abi­ta­to que­sta cit­tà.

3. Chie­sa degli Olan­de­si
La chie­sa del 1864, appar­te­nu­ta alla comu­ni­tà stra­nie­ra olan­de­se-ale­man­na, è rive­sti­ta in pie­tra are­na­ria loca­le e domi­na con la sua fac­cia­ta in sti­le neo goti­co il Fos­so Rea­le.

4. Palaz­zi dell’800
Palaz­zo Mau­ro­gor­da­to è il tipi­co esem­pio di palaz­zo signo­ri­le del­la ric­ca bor­ghe­sia otto­cen­te­sca. Con le stes­se carat­te­ri­sti­che archi­tet­to­ni­che seguo­no il Palaz­zo dell’Aquila Nera, il pri­mo hotel di lus­so del­la cit­tà e, suc­ces­si­va­men­te il Palaz­zo Squil­lo­ni.

5. Can­ti­na del Palio Mari­na­ro
Entra­re in que­sta can­ti­na è un’esperienza irri­pe­ti­bi­le, è un vero e pro­prio san­tua­rio del mare. Ampia strut­tu­ra soste­nu­ta da pila­stri con vol­te a cro­cie­ra e un ampio sci­vo­lo per far scen­de­re le bar­che in mare. Qui si rac­col­go­no testi­mo­nian­ze del­le tra­di­zio­ni remie­re livor­ne­si e vec­chi cime­li: ban­die­re dei rio­ni cit­ta­di­ni, boe, anco­re, moschet­to­ni ecc.

6. Por­to Medi­ceo
Il Por­to si è svi­lup­pa­to nel cor­so del XVI sec. sull’insenatura natu­ra­le dove nac­que il pri­mo bor­go di Livor­no. E’ un’opera in con­ti­nua evo­lu­zio­ne e svi­lup­po che rac­chiu­de pre­zio­se testi­mo­nian­ze anti­che come il Faro, le anti­che dar­se­ne, il Molo Medi­ceo il For­te del­la Pun­ta del Molo, ed altre emer­gen­ze di pre­gio sto­ri­co.

7. Sta­tua dei Quat­tro Mori
La sta­tua, ope­ra di Gio­van­ni Ban­di­ni, è dedi­ca­ta a Fer­di­nan­do I Medi­ci, Gran Mae­stro dell’Ordine Mili­ta­re di S.Stefano, sim­bo­leg­gia la vit­to­ria con­tro la pira­te­ria nei mari del­la Tosca­na, rap­pre­sen­ta­ta dal­le sta­tue bron­zee dei quat­tro pri­gio­nie­ri inca­te­na­ti, ope­ra que­sta di Pie­tro Tac­ca.

8. For­tez­za vec­chia
Tra i più impor­tan­ti monu­men­ti sto­ri­ci, è un ele­gan­te for­ti­li­zio, risul­ta­to di diver­se sovrap­po­si­zio­ni archi­tet­to­ni­che suc­ce­du­te­si nei seco­li: il Tor­rio­ne Cilin­dri­co, noto come Mastio di Matil­de è risa­len­te alla fine del XIII sec, la Tor­re Qua­dra­ta ( fine XII sec) di cui rima­ne il basa­men­to e la Qua­dra­tu­ra dei Pisa­ni (XIV sec.). La For­tez­za Rina­sci­men­ta­le fu costrui­ta a par­ti­re dal 1521 su pro­get­to di Anto­nio da San­gal­lo il vec­chio.

9. Quar­tie­re Vene­zia
Situa­to nel cuo­re sto­ri­co di Livor­no, è la zona più sug­ge­sti­va del­la cit­tà. Vene­zia fu idea­ta nel Sei­cen­to come un’isola per­cor­sa da pon­ti e cana­li che anco­ra oggi la ren­do­no simi­le alla cit­tà vene­ta. Nel Set­te­cen­to fu resi­den­za dei più facol­to­si mer­can­ti stra­nie­ri. E’ una zona mol­to viva­ce per la pre­sen­za di carat­te­ri­sti­ci loca­li.

10. For­tez­za Nuo­va
Impo­nen­te strut­tu­ra difen­si­va risa­len­te al 1591, fu in par­te demo­li­ta alla fine del Sei­cen­to per lascia­re spa­zio allo svi­lup­po del quar­tie­re Vene­zia, dive­nu­to il cen­tro com­mer­cia­le del­la cit­tà a par­ti­re dal ‘600.